LEGA NORD – LEGA LOMBARDA SEZIONE di MEDA

Archive for the ‘Lega Nord Meda’ Category

PROPOSTA DI LEGGE ISTITUZIONE MUSEO DEL MOBILE A MEDA – CHIARIMENTI

venerdì, settembre 11th, 2015

E’ noto che d’estate i giornali, in periodi di carenza di notizie e con il fermo dell’attività politica ed amministrativa, debbano scovare “di che parlare”.

Quest’anno ha avuto particolare rilievo sulle pagine medesi delle testate giornalistiche locali la notizia dell’esistenza di una proposta di legge, con primo firmatario l’onorevole Paolo Grimoldi della Lega Nord, per l’istituzione di un museo del Mobile a Meda.

Quanto riportato dai giornali, seppur corretto nei contenuti della proposta di legge, non è stato approfondito né con il proponente né con la locale sezione, il che avrebbe permesso di meglio spiegare la realtà dei fatti.

La proposta di legge in questione risale all’anno 2010, presentata, su invito dell’allora amministrazione leghista di Meda, dall’onorevole Paolo Grimoldi. La proposta di legge venne anche illustrata, nel corso di quell’anno, in un incontro pubblico dallo stesso Grimoldi.

Sotto il profilo procedurale, la proposta di legge decade con la scadenza della legislatura; nel caso in questione, quindi, la proposta di legge è decaduta con le elezioni politiche del 2013.

Con la nuova legislatura, l’attuale, e con la rielezione di Grimoldi, il parlamentare ed il suo staff valutano le proposte di legge in precedenza presentate e quelle che ritengono più importanti le ripresentano; è questo il caso della proposta di legge per l’“Istituzione del Museo del mobile di design brianzolo-medese” ri-presentata in data 29 maggio 2013 n. 1098.

Detto ciò, il progetto di legge è stato assegnato alle commissioni Cultura e Bilancio della camera dei deputati e l’eventuale approvazione è un orizzonte molto lontano….ma è, comunque, un vanto per la nostra città l’esistenza di un riconoscimento della nostra eccellenza….

FullSizeRender

FullSizeRender (2)

RIAPERTURA SEDE DOPO PAUSA ESTIVA

mercoledì, settembre 2nd, 2015

SI COMUNICA CHE MERCOLEDI’ 9 SETTEMBRE RIPRENDONO LE ATTIVITA’ DELLA SEZIONE DI MEDA.

LA SEZIONE SARA’ APERTA A PARTIRE DALLE ORE 21.00.

VILLA PAVESI NON S’HA DA USARE….MA PERCHE’?

lunedì, luglio 6th, 2015

Villa Pavesi è un palcoscenico stupendo per gli eventi medesi….o almeno lo è stato durante la nostra amministrazione nel periodo 2010-2012….dopo di noi non s’è più potuto (o voluto) fare nulla, nonostante la grande disponibilità della proprietà e, soprattutto, la totale gratuità dell’utilizzo per mezzo di una convenzione firmata nel 2010 fra l’allora amministrazione leghista e la proprietà.

Ma allora perché non è più sede di eventi? Un problema di volontà? E’ scaduta forse la convenzione…ma quanto ci vuole (poco) per rinnovarla?

Con qualche foto ricordiamo la magia degli eventi in quel luogo….sperando che possa tornare ad essere palcoscenico naturale della cultura medese…

cultura medese 122

cultura medese 127

cultura medese 123

 

PROGETTO MEDAMUSEO – MUSEO DIFFUSO: MA IL SINDACO CAIMI SA DI COSA SI TRATTA?

venerdì, giugno 26th, 2015

Ho letto con piacere l’articolo su Medamuseo apparso su Medinforma (articolo) e le confesso che sono rimasto allibito dalle parole del sindaco Caimi.

Allibito perché, se ancora ci fosse stato qualche dubbio, con quel l’intervento durante l’inaugurazione della mostra “Le matite di Giorgetti” è stato cancellato: il sig. Sindaco non ha la minima idea di cosa sia il progetto Medamuseo, come da lei ricordato, redatto dall’Università Cattolica per mano del prof. Ficarra e sostenuto dall’amministrazione leghista.

Questo progetto, secondo le scelte dell’amministrazione, aveva un suo punto di riferimento nel Palazzo Mascheroni che, secondo il progetto oggetto di apposita deliberazione di giunta comunale, avrebbe ospitato una collezione permanente dei migliori pezzi di design delle ditte medesi e con la presenza della storia del mobile in stile…e qui si fermano le conoscenze, ahimè, del sig. Caimi.

Ma questo è solo una briciola del progetto “Medamuseo – museo diffuso”, inserito nel PGT (vedi allegato estratto del Piano dei Servizi – pagina 46); progetto che, in questo strumento urbanistico, aveva già preso avvio, pensate, approvato nel 2012 dallo stesso Caimi, dopo l’adozione da parte dell’amministrazione leghista al termine del 2011.

Medamuseo, nel PGT è rappresentata, ad esempio, dall’inserimento, tra gli edifici di interesse storico locale, della ditta Lanzani (con il suo museo), con la salvaguardia di alcune parti/padiglioni di ditte dismesse e con una mappatura dei laboratori artigiani di maggiore interesse storico, suddivisi per tipo di lavorazione del legno; poi c’è il progetto, già deliberato, di una sede individuata in una parte del palazzo Mascheroni per dare una “casa” alla collezione di pezzi di design medese che negli ultimi 10 anni ha fatto il giro del mondo.

Ma, purtroppo, il sig. Sindaco non è a conoscenza di queste cose e, leggendo le sue parole, mi ricorda il noto immobiliarista, famoso per le pubblicità televisive e per il motto “non vendo sogni, ma solide realtà”…

Peccato che, come da lei ricordato, le solide realtà da Lui al momento realizzate, sono la giusta prosecuzione di progetti avviati o approvati dalla precedente amministrazione (cosa molto intelligente e lungimirante e quindi ritenuti una buona cosa)….al suo elenco aggiungo, collegandomi ai lavori che stanno partendo in questi giorni, il secondo lotto di riqualificazione della scuola Traversi da noi approvato e finanziato con delibera di giunta n. 20 del 31.01.2011.

Su Medamuseo, museo diffuso, l’invito al Sindaco è che, prima di fare le sue ormai note “sparate”, occorrerebbe approfondire il progetto molto più complesso di quanto lui abbia in mente e di grandissimo interesse per Meda tanto da essere già di fatto esistente vivendo in tutte le botteghe medesi e nella memoria dei nostri artigiani, memorie ben raccolte da iniziative come i dizionari redatti dall’associazione Pro-Loco

Per concludere, che il Sindaco voglia o meno, grazie alla gente di Meda, il progetto Medamuseo è di fatto già esistente.

Luca Santambrogio

PGT - Piano dei Servizi - pag. 46

PGT – Piano dei Servizi – pag. 46

PROBLEMATICA STAZIONE – INTERESSANTE INCONTRO FRA RAPPRESENTANTI DELLA REGIONE E DEL COMITATO PENDOLARE

mercoledì, maggio 20th, 2015

Interessante incontro promosso ieri sera presso la sezione di Meda da parte della Lega Nord che ha permesso un interessante scambio di informazioni ed idee fra il capogruppo della Lega Nord in Regione Lombardia, Massimiliano Romeo, ed i rappresentanti del Comitato Pendolari della Linea Milano/Asso.

Obiettivo della serata era conoscere la situazione e spingere, seguendo la via istituzionali, affinché si ponga rimedio all’assurda situazione venutasi a creare.

Durante l’incontro, alla quale hanno partecipato anche alcuni cittadini medesi, è stato approfondita, in primis, la questione relativa alla soppressione dei treni S2 (e loro sostituzione con bus che, oltre a creare grande disagio, non riescono a far rispettare le coincidenze con i treni in partenza da Seveso), avvenuta immediatamente dopo il termine dei lavori di riqualificazione della stazione di Meda, con il Comitato che ha spiegato le problematiche tecniche mai risolte sulla linea che sono fra le cause delle difficoltà del mantenimento a regime della linea e la numerosa corrispondenza intercorsa con i rappresentanti delle ferrovie e della regione sul tema (es. l’eliminazione del Capo Stazione, figura invece necessaria per la risoluzione delle problematiche).

Su questo punto, il Capogruppo Massimiliano Romeo ha raccolto tutto il materiale esistente al fine di poter approfondire con gli uffici regionali di riferimento e con i vertici delle società ferroviarie (è in corso in questi giorni il cambio di presidente nella società Ferrovie Nord Milano con il timone che dovrebbe passare in mano ad Andrea Gibelli) la difficile situazione dello scalo medese venutasi a creare a seguito di scelte unilaterali della società in dissenso con accordi fatti e con il piano dei servizi.

Come secondo punto è stata affrontata la problematica legata al finanziamento del terzo lotto in assenza del quale la stazione di Meda risulta priva di importanti e fondamentali servizi che stanno creando enormi problemi all’utenza:

  • assenza dell’abbattimento barriere architettoniche per la mancata installazione di ascensori per usufruire del sottopassaggio ai binari (i lotti terminati prevedevano la sola predisposizione);
  • assenza di servizi igienici;
  • assenza di pensilina a protezione della rampa di scale di accesso dal primo al secondo e terzo binario con pericolo di cadute in caso di eventi atmosferici.

Anche su questo punto il consigliere Romeo ha assicurato l’impegno per verificare tempi e possibilità di finanziamento del terzo lotto oltre alla verifica dell’eventuale possibilità di anticipare quegli interventi necessari per l’eliminazione dei disagi.

Su questo blog sarà nostra cura pubblicare ogni aggiornamento ci perverrà dalla Regione o dal Comitato Pendolari ed eventuali iniziative che si renderanno necessarie in caso di stallo della situazione.

11117934_937872232942920_1159845530_n11118751_937872242942919_2137349283_n

COMMISSIONI CONSILIARI: NO GRAZIE!!! A QUESTO GIOCO SULLA PELLE DEL CONFRONTO DEMOCRATICO NON PRENDIAMO PARTE…

venerdì, maggio 15th, 2015

Coerentemente con quanto anticipato con comunicato stampa del 30 aprile 2015, in risposta al sollecito dell’amministrazione comunale di comunicare i nominativi dei consiglieri comunali della Lega Nord da inserire nelle quattro commissioni permanenti, con la nota del 15.05.2015, che riportiamo di seguito, abbiamo ufficializzato la nostra NON partecipazione alle commissioni consiliari.

no commissioni

STAZIONE DI MEDA: LA NOSTRA OPINIONE SULLA STAMPA LOCALE

lunedì, maggio 11th, 2015

Oggi, “il Giorno” riprende la questione stazione di Meda; dopo una opinabile presentazione della questione e della problematica, in coda inserisce un piccolo estratto del nostro comunicato stampa…fa capire le nostre intenzioni, ma non è abbastanza sviluppato per far comprendere appieno la nostra linea….occorre accontentarci!!!!

IMG_6199

E’, invece, reperibile, correttamente, la versione integrale del nostro comunicato stampa su “Medinforma” al link

http://www.medinforma.info/index.php?option=com_content&view=article&id=6108:una-notizia-inesatta-deve-svegliare-lorgoglio-di-una-citta-maltrattata&catid=83:idee-dei-partiti&Itemid=147

UN INCONTRO MOLTO INTERESSANTE FONTE DI IMPORTANTI SPUNTI

martedì, aprile 28th, 2015

Di seguito le nostre linee guida e proposte discusse con i commercianti e l’articolo de “Il giornali di Seregno” di martedì 28.04.2015

OBIETTIVO: PORTARE PIU’ VITA NEL NOSTRO PAESE, RIPARTENDO DALLE BUONE BASI DEL PERIODO 2007-2012

Quali sono i compiti del Comune e l’importanza di favorire ed agevolare le iniziative delle aggregazioni di esercenti ed associazioni

La dovuta premessa è quella di voler riportare in essere ciò che di buono era stato fatto, sia sotto il profilo culturale che del coinvolgimento delle realtà associative medesi, nel quinquennio 2007-2012.

Compito principale di un comune, in un periodo (da verificare la reale situazione a fronte delle dichiarazioni che provengono dal palazzo comunale) di carenza di risorse finanziarie, è quello di agevolare il più possibile chi a Meda “ha voglia di fare”, ben investendo le poche risorse a disposizione ma, soprattutto, non creano infiniti paletti e difficoltà alla realizzazione anche delle iniziative più semplici.

Il comune deve supportare le iniziative con le seguenti azioni:

a)      Sotto il profilo logistico mettendo a disposizione le sue risorse umane (nel quinquennio si decise di dare questo compito in appalto ad una cooperativa di tipo B che reinseriva nel mondo del lavoro persone disoccupate) per la predisposizione delle manifestazioni:

–          Chiusura strade con posizionamento cartellonistica e transenne;

–          Montaggio palco o pedane per spettacoli;

–          Fornitura gazebo o sedie;

b)       Sotto il profilo della divulgazione/conoscenza eventi:

–          Esentare dal pagamento dell’occupazione suolo pubblico e gratuità delle sale comunali se i richiedenti sono attività/associazioni medesi;

–          Stampa dei volantini e delle locandine A3 necessarie da parte del comune (con mezzi propri) e, se finanziariamente possibile, anche dei manifesti;

–          Pubblicizzazione delle iniziative approvate e patrocinate dal comune sui mezzi d’informazione istituzionali;

 c)      Coordinamento di tutte le manifestazioni presenti al fine di evitare, il più possibile, (cosa già da anni in essere) sovrapposizione di eventi un uno stesso giorno;

 d)      Ripristinare il raccordo comune – esercizi commerciali attraverso la collaborazione con la Confcommercio di Seveso, per far girare meglio le informazione circa lavori pubblici/stradali da porre in essere;

 e)       La supervisione e la presenza di sindaco/assessori/consiglieri alle manifestazioni; sembra una cosa banale, ma la semplice presenza e dimostrazione d’interesse a ciò che viene fatto,  ripaga chi volontariamente si impegna per dare un servizio alla nostra città.

Per quanto, invece, riguarda una progettualità, che va sempre proposta e concordata con i diretti interessati, delle iniziative, obiettivi devono essere:

 1)      Come prima cosa si dovrebbe investire più nelle feste, per attirare gente e creare luoghi di aggregazione.

Le nostre idee di feste, aspettando anche delle vostre idee sarebbero:

 –          Differenziare il più possibile i luoghi in cui prevedere le manifestazioni al fine di coinvolgere il più possibile l’intero territorio comunale (la programmazione di manifestazioni/eventi per zone e vie, soluzione già provata e di buon successo, è da preferirsi);

 –          Ripristinare le serate estive con la trasformazione del centro città (o di altre vie che permettono una buona gestione della viabilità alternativa; es: via C. Colombo e via Indipendenza) in area pedonale accompagnando le serate con l’apertura delle attività commerciali, il coinvolgimento delle associazioni e l’organizzazione di alcuni aventi che attraggano i cittadini;

 –          Bancarelle in via Solferino o altre zone cittadine adatte all’evento: nel periodo estivo si potrebbero emulare formule già provare in realtà limitrofe, chiudendo le vie individuate al traffico, facendo rimanere aperti i negozi presenti e consentendo a tutti i negozianti di Meda la possibilità di pubblicizzare la propria attività e di fare iniziative lungo le vie chiuse.

 –          Festa di Natale: visto che negli ultimi due anni il Natale è stato inesistente nel nostro paese, si propone, prima di tutto, di ripristinare un minimo di illuminazione o di giochi di luci soprattutto nelle piazze, portare delle bancarelle/mercatini di Natale durante il periodo natalizio;

 –          Ripristinare le manifestazioni nella piazza del Santuario, il vero gioiello storico della nostra città è palcoscenico ideale per concerti; valutare, inoltre, la possibilità di usare un proiettore per creare delle immagini natalizie sugli edifici della piazza (o in altri luoghi particolari della città – stile Como) attraendo anche gente da fuori Meda;

 –          Feste a tema: approfittare della Pasqua, di carnevale, di halloween ecc. per fare delle feste a tema, oltre a mantenere formule già ben collaudate come la festa di primavera e quella d’autunno;

 –          Il Palio dei Ragazzi: la più grande manifestazione medese per durata e coinvolgimento di persone va sostenuta fortemente sia sotto il profilo dei fondi, sia su quello degli eventi collaterali volti a portare cittadini a frequentare la festa (es: i fuochi d’artificio); è importante aiutare e difendere le poche eccellenze del nostro paese.

 2)      Una cosa importante da fare a Meda è una riqualificazione del centro, non sarà una cosa semplice e poco dispendiosa, ma poco a poco dovrà essere fatta.

 3)      Temporary store: consiste nella possibilità di aprire dei negozi in un periodo limitato,  sfruttando delle nuove mode oppure negozi che rimangono aperti stagionalmente (qui servirà il coinvolgimento del Confcommercio attraverso la collaborazione ed il supporto della sig.ra Vizzi).

 4)      Altra idea, da concordare con gli esercenti esistenti, potrebbe anche essere l’installazione di chioschi nella nostra città per la vendita di gelati, cibo e bevande.

 Ripristinare piccole cose, anche simboliche, che si facevano e che è assurdo aver eliminato con la scusa dell’assenza di soldi; un esempio: l’anguriata nel periodo estivo offerta dargli amministratori comunali.

QUESTIONE CENTRO COMMERCIALE:

Permane la posizione storica della Lega Nord Meda di contrarietà a centri commerciali sul territorio medese; siamo però disponibili ad un’approfondita discussione, condivisa con esercenti e cittadini, per la scelta della nuova destinazione dell’area AT1 (ex Medaspan), dopo la rinuncia al nuovo polo delle stazioni, favorendo i servizi rispetto al commercio con previsione di un’importante area a verde.

11124400_925756254154518_1840891580_n

Il PalaMeda una perla tra gli impianti sportivi brianzoli – guarda caso l’ha voluto, costruito e “attrezzato” la Lega…

martedì, febbraio 10th, 2015

Gionata Pensieri (il Cittadino, sabato 27 dicembre 2014, pag. 35)

Alcune realtà sono vere oasi in fatto di impianti sportivi, spesso vetusti e che andrebbero sottoposti ad interventi di manutenzione. Tra queste ce ne sono alcune singolari attorno a cui sono nate ed oggi continuano a crescere alcune delle società sportive più floride della zona. Si tratta di quegli impianti dove “è bello giocare”. A Varedo, per esempio, c’è il PalaPertusini. …

La gestione affidata alla polisportiva del presidente Roberto Rossi scade a giorni, ma … tutti si augurano che il rinnovo della convenzione sia pura formalità.

Altra perla il PalaMeda, in via Tre Venezie, che ospita volley e basket su un campo luminoso, ampio e circondato su tre lati dalle tribune. Uno spettacolo con bar, ed in cui trovano spazio anche la sede del Club Alpino Italiano ed alcuni uffici comunali. C’è anche una palestra più piccola annessa, con una parete di arrampicata di dimensioni tali da poter ospitare 15 climbers contemporaneamente, aperta tre sere la settimana.

Per ultimo, e forse il caso più singolare, tre campi da baseball, tutti e tre a pochi chilometri l’uno dall’altro: Senago, Bovisio Masciago, Seveso.

palaMeda pubblicopalameda1-1-2 campionatiGinnastica palestra-cai-meda

 

17 dicembre 2014 – CENA NATALIZIA SEZIONE DI MEDA

giovedì, dicembre 18th, 2014

Una serata fantastica resa tale dalla grande presenza di militanti, sostenitori e cittadini “amici”.

Un particolare ringraziamento per la sempre grande disponibilità e presenza sul territorio, nonostante i numerosi impegni, all’onorevole Paolo Grimoldi, al nostro capogruppo in Regione Lombardia, Massimiliano Romeo, al nostro segretario Provinciale, Alberto Rivolta ed al nostro segretario di circoscrizione, Alberto Magni.

E’ cosa molto impostante, per i frequentanti la sezione, avere un contatto costante con le persone che ci rappresentano all’interno delle istituzioni e che ci aggiornano costantemente sulle novità dei palazzi con dettagli e particolari che, leggendo i giornali o ascoltando la TV, ci sfuggono.

Un sentito ringraziamento al ristorante “La Locanda” di Meda che ci ha ospitato e deliziato con uno spettacolare “giro-pizza”…..

Immagine cena 2014